Le colpe dei padri

Le colpe dei padri Guido Marchisio torinese anni un uomo arrivato Dirigente di una multinazionale appoggiato dai vertici compagno di una donna molto pi giovane e bellissima la sua una vita in continua ascesa Fin

  • Title: Le colpe dei padri
  • Author: Alessandro Perissinotto
  • ISBN: 9788856625363
  • Page: 322
  • Format: Paperback
  • Guido Marchisio, torinese, 46 anni, un uomo arrivato Dirigente di una multinazionale, appoggiato dai vertici, compagno di una donna molto pi giovane e bellissima la sua una vita in continua ascesa Fino al 26 ottobre 2011, una data che crea una frattura tra ci che Guido stato e quello che non potr mai pi essere Quella mattina, infatti, un incontro non previstoGuido Marchisio, torinese, 46 anni, un uomo arrivato Dirigente di una multinazionale, appoggiato dai vertici, compagno di una donna molto pi giovane e bellissima la sua una vita in continua ascesa Fino al 26 ottobre 2011, una data che crea una frattura tra ci che Guido stato e quello che non potr mai pi essere Quella mattina, infatti, un incontro non previsto insinua in lui il dubbio possibile che esista da qualche parte un suo sosia, un gemello dimenticato, un suo doppio misterioso e sfuggente Giorno dopo giorno, il dubbio diventa ossessione e l esistenza dell ingegner Marchisio inizia, prima piano poi sempre pi velocemente, a percorrere la stessa rovinosa china della sua azienda e della sua citt Di tutte le sicurezze costruite col tempo, non rimane pi nulla il suo ruolo di freddo tagliatore di teste, di manager di successo, la sua figura di uomo affascinante, tutto, per colpa di quel sospetto, sembra scivolare via da lui, come se accompagnasse l emorragia che lentamente svuota l industria italiana Andare a fondo significher per Guido affacciarsi all orlo di un baratro e accettare l inaccettabile.

    769 Comment

    • Rosalba says:

      e 1/2 * […] le situazioni non scivolano, non rotolano, le situazioni precipitano, perché è il precipizio, e non il declivio, il nostro destino.Guido Marchisio, 46enne manager di una multinazionale tedesca, è un uomo arrivato, ha un matrimonio finito alle spalle e ora è il compagno di una donna molto più giovane e bellissima: la sua è una vita in continua ascesa. Fino al giorno in cui si crea una frattura tra ciò che Guido è ora, nel 2011, e ciò che è stato fino all'età di 9 anni. Un [...]

    • Simona says:

      Nasci, cresci, vivi conducendo una vita da ingegnere nel modo più tranquillo e sereno, ma all'improvviso un evento inaspettato stravolge il tuo mondo mettendo tutto in discussione. A quel punto non puoi fare altro che (ri)costruire la tua vita partendo dal tuo passato e da tutto quello che immaginavi. In una Torino degli anni '70 sconvolta da licenziamenti, suicidi, scioperi, dalla Fiat Mirafiori, Perissinotto ci guida nel passato e nel presente di un uomo, che non solo deve scontrarsi con un p [...]

    • Frank says:

      "Le colpe dei padri" è la mia prima lettura di Alessandro Perissinotto e devo che la candidatura al premio Strega 2013 è stata determinante per questa mia scelta.Ho trovato un romanzo interessante in molti dei suoi aspetti: moderno, attuale e coinvolgente.Il manager aziendale direttore della produzione nello stabilimento torinese di una multinazionale che ha molte cose in comune con la Fiat dei tempi passati e non solo, rappresenta un ottimo innesco per accendere un dibattito socio-politico.Di [...]

    • Gianluca says:

      Splendido libro, un romanzo di attualità, un percorso introspettivo di un manager di un'azienda in crisi tra un passato sconosciuto e un presente apparentemente di successo.Consigliato.

    • Antonella says:

      "Come si può essere tormentati dal ricordo di qualcuno che non si è mai visto, neppure in fotografia?"Ed ancora:"Quello che non sappiamo non è. Le cose iniziano a esistere nel momento in cui veniamo a conoscenza della loro esistenza."Bastano un incidente sventato per miracolo, un bar, un incontro casuale, qualche parola buttata là, un nome sconosciuto e la vita di Guido Marchisio viene stravolta, sdoppiata, messa in discussione. Essere dirigente di una multinazionale, avere una bella e giova [...]

    • Corrado Pastore says:

      Un romanzo coinvolgente, con un linguaggio fresco, diretto ma forbito, colloquiale ma mai volgare. Insomma, uno di quei romanzi che ti catturano totalmente. Ho trovato molto interessante la storia di Guido, che ricerca il suo sosia, il suo doppio che ha avuto una vita totalmente differente dalla sua. 5 stelle, ma solo perché non se ne possono mettere sei.

    • Giant Steps says:

      Giusto un paio di settimane fa questo libro era in lizza con “Resistere non serve a niente” di Walter Siti per lo Strega. Visto che il libro di Siti, che ha trionfato, l’avevo letto un anno fa e cioè in tempi non sospetti, mosso dalla curiosità ho voluto leggere anche questo. Tra i due ci sono delle similitudini, specie nella struttura. Entrambi nascono da un gioco narrativo che si basa su un approccio giornalistico vero o presunto per personaggi che, per la loro storia, la loro vita e l [...]

    • Laura says:

      La storia gioca sul tema del doppio, senza nascondere i debiti con la tradizione letteraria, ma lo contestualizza nell'interessante e , forse, almeno in letteratura, poco esplorato scenario degli anni '70- '80 italiani di cui si scoprono le analogie con il presente. Attraverso l'aggancio ai flash -bulbs, memorie collettive, il narratore ricostruisce, seguendo le progressive rivelazioni che si offrono al protagonista ed il suo confronto con i padri, le dinamiche storiche, politiche, sociali della [...]

    • Surymae says:

      Farò finta di non vedere il narratore che entra un po' troppo a gamba tesa nella storia (senza che si capisca quanto è Perissinotto e quanto il personaggio-narratore), lo stile da "primo della classe/ho già lo Strega in mano", gli incredibili colpi di fortuna e coincidenze che aiutano Guido nella sua ricerca. Preferisco concentrarmi sui lati positivi: su una storia decisamente interessante, anche e soprattutto per il panorama italiano, dai temi d'attualità che però non scadono nello scontat [...]

    • Alessandra Marino says:

      Bello. Scrittura bella, scorrevole, sofisticata, coinvolgente, pensata, che non cerca l effetto stilistico ma fonde stile e narrazione con rara e convincente bravura. Storia con preoccupanti paralleli fra l oggi ed uno dei periodi più bui della storia della repubblica. Finale forse la parte debole, trasforma un romanzo dai toni cupi e dal ritmo serrante in una storia di redenzione. Almeno c e speranza !

    • Daniela says:

      E' la mia seconda esperienza con l'autore e devo dire che forse, essendo torinese anch'io, sia con "Semina il vento" e sia con "le colpe dei padri" mi è sembrato di leggere storie già successe o già vissute L'autore e il suo habitat ti entrano dentro e quando incontri situazioni simili nella realtà non capisci dove finisca il libro e dove inizi la vita Bravissimo Perissinotto a romanzare la quotidianità!!!!

    • Prescritto says:

      Questo è un periodo particolare della mia vita e per questo anche l'identificazione con il libro. Il cambio del modo di vivere, di lavorare e di pensare è il pane dei tempi moderni. Da leggere assolutamente.

    • incipit mania says:

      IncipitQuesta storia inizia con un pugno in faccia e finisce con un colpo di pistola Le colpe dei padri incipitmania

    • Francesca78 says:

      Finalista al premio stregasa succede se all'improvviso scopri di avere un fratello gemello? Trama interessante ambientata nella Torino dei giorni nostrida leggere

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *